Thich Nhat Hanh – Chiamami con i miei veri nomi

Thich Nhat Hanh - Chiamami con i miei veri nomi

‘Chiamami con i miei veri nomi’ è una delle più famose poesie del maestro zen vietnamita Thich Nhat Hanh. Di fronte anche alle più immani tragedie, possiamo imparare a guardare i fatti con gli occhi della compassione.

Non dire che domani scomparirò,
perché io arrivo sempre.

Guarda in profondità: io arrivo ogni secondo,
per essere un germoglio sul ramo a primavera;
per essere un minuscolo uccellino con le ali ancora fragili
che impara a cantare nel suo nido;
per essere un bruco nel cuore di un fiore,
per essere un gioiello che si nasconde in una pietra.

Pubblicità

Io arrivo sempre, per ridere e per piangere,
per temere e per sperare.
Il ritmo del mio cuore è la nascita e
la morte di tutto ciò che è vivo.

Io sono un insetto che muta la sua forma sulla superficie di un fiume.
E io sono l’uccello che, a primavera, arriva a mangiare l’insetto.

Io sono una rana che nuota felice nell’acqua chiara di uno stagno.
E io sono il serpente che, avvicinandosi in silenzio, divora la rana.

Sono un bambino in Uganda, tutto pelle e ossa, le mie gambe esili come canne di bambù,
e io sono il mercante di armi che vende armi mortali all’Uganda.

Io sono la bambina dodicenne profuga su una barca,
che si getta in mare dopo essere stata violentata da un pirata.
E io sono il pirata, il mio cuore ancora incapace di vedere e di amare.

Io sono un membro del Politburo, con tanto potere a disposizione.
E io sono l’uomo che deve pagare il ‘debito di sangue’ alla mia gente,
morendo lentamente in un campo di lavori forzati.

La mia gioia è come la primavera, così splendente che da sbocciare i fiori su tutti i sentieri della vita.
Il mio dolore è come un fiume in lacrime, così gonfio che riempie tutti i quattro oceani.

Per favore chiamatemi con i miei veri nomi,
cosicché io possa udire tutti i miei pianti e tutte le mie risa insieme;
cosicché io possa vedere che la mia gioia e il mio dolore sono una cosa sola.

Per favore chiamatemi con i miei veri nomi,
cosicché io mi possa svegliare
e cosicché la porta del mio cuore sia lasciata aperta,
la porta della compassione.

Da: Thich Nhat Hanh, “Essere pace”, Astrolabio Ubaldini, 1989

Scarica la poesia in pdf

Per approfondire:

Le più belle poesie sulla meditazione e su argomenti che le somigliano parecchio

Questa poesia viene citata in questo articolo.

Essere pace. Con il cuore della comprensione e la meditazione camminata

Thich Nhat Hanh, Essere pace
La voce quieta e leggera di Thich Nhat Hanh fa venire una voglia assoluta e profonda di cambiare il mondo nel proprio piccolo, alla propria portata, scegliendo i gesti di pace da portare in atto passo dopo passo. Lo consiglio anche da consultazione durante i primi passi per la meditazione, conforta e aiuta rileggerne alcuni passi (da un commento su Anobii.com).

Conosci la nostra collezione di Poesie sulla Meditazione?

Wislawa Szymborska – Il senso di colpa è così umano!

Il senso di colpa si lega alla scarsa autostima e rovina le nostre esistenze. Wislawa Szymborska con questa poesia ci fa notare come nel mondo animale un tale genere di sentimenti sia del tutto assente.

Jack Kornfield – La tranquillità ci semplifica e ci migliora la vita

La tranquillità, uno dei sette fattori dell’illuminazione, è un modo d’essere che può trasformare la nostra vita e renderci soddisfatti del presente.

Thich Nhat Hanh – Contemplazione del non andare e non venire

Una poesia del grande maestro zen che ci offre una visione della morte leggera e persino divertente.

Silvio Anselmo – Liquidamente

Liquidamente arreso alla sfuggente presa del reale. Ecco, si, liquido come l’acqua che si insinua e prende tutte le forme, ma non ne conserva alcuna; tutti i sapori, gli umori e li scioglie in sé e va ad arricchire, con...

Jorge Luis Borges – I giusti

La poesia “I giusti” di Borges offre un quadretto variopinto che, mettendo insieme tante scene diverse e apparentemente non correlabili, rappresenta il lato ‘positivo’ della realtà che non cessa mai di manifestarsi.

Silvio Anselmo – La danza del rallentare

Se tu rallenti rallenti il tuo agire in quelle lente movenze ti sentirai danzare la vita – non più schiacciato dal condizionamento, dalla necessità, automatizzato- e darai significato e gusto a ogni più minuto ricciolo di realtà. In quella lentezza...

Jeff Foster – Non voglio che tu sia perfetto, voglio che tu sia vero

Non voglio che tu sia perfetto, voglio che tu sia vero, dice Jeff Foster in questa poesia che inneggia ad accettare ogni imperfezione

Silvio Anselmo – Mi tremano tra le dita

Mi tremano tra le dita sempre meno sicuri pensieri a causa di un cuore che ha un lungo ieri e un breve incerto futuro. Ma posso ancora stanare e cantare la speranza che sa dare al vivere il passo di...

Patrizia Cavalli – Una poesia sull’ossessione di giudicarsi

Quella di giudicarsi è una sorta di ossessione che ci rovina la vita, poiché è in agguato in ogni momento. Questa poesia di Giulia Valli può aiutarci a vederne l’inconsistenza.

Pablo Neruda – Silenzio

Silenzio di Pablo Neruda è una poesia che, esaltando il valore del silenzio e del non fare niente, ci invita ad assumere un nuovo punto di vista per osservare la vita, sospendendo la nostra smania di fare.

Jack Kerouac – Come meditare

Jack Kerouac, in “Come meditare” apre una finestra su un mondo oggi lontano: una generazione alla ricerca di un senso nuovo della vita, servendosi di tutti gli strumenti possibili, meditazione compresa.

Jeff Foster – Non c’è un mostro dentro di te

Quella di avere un mostro dentro di sé è una sensazione molto frequente. Ma questa poesia di Jeff Foster ci aiuta ad accettare e accogliere l’oscurità che inevitabilmente abita in ciascuno di noi.

Vuoi salvare questa pagina tra i tuoi Preferiti?
Fai il login o registrati.

Pubblicità