Wislawa Szymborska – Vista con granello di sabbia

wislawa szymborska vista con granello di sabbia

Vista con granello di sabbia di Wislawa Szymborska è una poesia che ci aiuta a ribaltare il nostro modo abituale di vedere le cose, tutto basato su concetti e su idee fisse delle cose intorno a noi.

Vista con granello di sabbia

Di Wislawa Szymborska

 

Lo chiamiamo granello di sabbia.
Ma lui non chiama se stesso né granello né sabbia.
Fa a meno di un nome
generale, individuale,
permanente, temporaneo,
scorretto o corretto.

Pubblicità

Del nostro sguardo e tocco non gli importa.
Non si sente guardato e toccato.
E che sia caduto sul davanzale
è solo un’avventura nostra, non sua.
Per lui è come cadere su una cosa qualunque,
senza la certezza di essere già caduto
o di cadere ancora.

Dalla finestra c’è una bella vista sul lago,
ma quella vista, lei, non si vede.
Senza colore e senza forma,
senza voce, senza odore e senza dolore
è il suo stare in questo mondo.

Senza fondo è lo stare del fondo del lago,
e senza sponde quello delle sponde.
Né bagnato né asciutto quello della sua acqua.
Né al singolare né al plurale quello delle onde,
che mormorano sorde al proprio mormorio
intorno a pietre non piccole, non grandi.

E tutto ciò sotto un cielo per natura senza cielo,
ove il sole tramonta senza tramontare affatto
e si nasconde senza nascondersi dietro una nuvola ignara.
Il vento la scompiglia senza altri motivi
se non quello di soffiare.

Passa un secondo.
Un altro secondo.
Un terzo secondo.
Tre secondi, però, solo nostri.

Il tempo passò come un messo con una notizia urgente.
Ma è soltanto un paragone nostro.
Inventato il personaggio, fittizia la fretta,
e la notizia inumana.

Da: Wislawa Szymborska, La gioia di scrivere. Tutte le poesie (1945-2009), Adelphi, 2009

Per approfondire:

conoscenza convenzionale

non sé

Wislawa Szymborska

Le più belle poesie sulla meditazione e su argomenti che le somigliano parecchio

La gioia di scrivere. Tutte le poesie (1945-2009)

szymborska - la gioia di scrivere - poesie
Publisher:
Genre:
N. pagine: 774
Grazie a un'impavida sicurezza di tocco, la Premio Nobel per la letteratura Szymborska sa affrontare temi proibiti perché troppo battuti - l'amore, la morte e la vita in genere, anche e soprattutto nelle sue manifestazioni più irrilevanti - e trasformarli in versi di colloquiale naturalezza e (ingannevole) semplicità. Il volume raduna l'intera produzione poetica della Szymborska.

 

[La foto è di VV Nincic, Canada]

 

Conosci la nostra collezione di Poesie sulla Meditazione?

Silvio Anselmo – Fiducia

In questa poesia Silvio Anselmo esprime il carattere apparentemente irragionevole, ma assolutamente necessario, della fiducia.

Charles Bukowski – Il cuore che ride

Il cuore che ride di Bukowski è un inno all’ottimismo e un invito a non lasciarsi travolgere dalle avversità della vita. Per riuscirci, dobbiamo riconoscere la meraviglia che già siamo.

Mary Oliver – Il viaggio

Mary Oliver, con “Il viaggio”, ci esorta a intraprendere un cammino di liberazione che parte dall’abbandono di abitudini mentali dannose e soprattutto dalla cura verso se stessi.

Naomi Shihab Nye – Gentilezza

Naomi Shihab Nye parla della Gentilezza, in questa poesia, evitando di esaltarla come virtù senza averne evidenziato il presupposto necessario: la nostra capacità di vedere il dolore e imparare ad affrontarlo.

Martha Postlethwaite – Radura (Clearing)

Martha Postlethwaite in questa poesia rappresenta con estrema chiarezza e profondità il disagio di chi si sente impotente di fronte alla sofferenza del mondo, esortando a rivolgere lo sguardo alle proprie risorse interiori.

Mary Oliver – Giorno d’Estate

Mary Oliver, in “Giorno d’estate” esprime uno stupore incantato di fronte alla bellezza della vita che somiglia a una preghiera, ma è solo l’esortazione a goderci ciò che abbiamo finché possiamo farlo.

Silvio Anselmo – Il vuoto

Sul terrazzo mi muovo, senza scopo mi muovo. Sto bene. Son solo. Son vuoto. Però sottile sottile un’ansia è in me. Perché? Non faccio…Ma penso. E sento quel vuoto di senso. Se faccio, non penso e il vuoto si vuota...

Thich Nhat Hanh – La nostra vera eredità

Una poesia del grande maestro zen vietnamita, che ci invita ad apprezzare la preziosità della nostra vita attuale.

Dorothy Hunt – La pace è questo momento senza giudizio

Dorothy Hunt in questa poesia ci esorta a cercare la pace non al di fuori di noi, ma in noi stessi, in uno spazio aperto e senza giudizio, nel quale siamo disponibili ad accogliere tutto ciò che c’è.

Rumi – Sono morto come minerale e come pianta sorto

Una poesia di Rumi, il grande poeta mistico persiano del XIII secolo, che esalta la continuità dell’esistenza in tutte le cose.

Silvano Agosti – Quello che sai di me non sono io

Silvano Agosti in questa poesia celebra la consapevolezza di non sapere, una postura mentale che consente di penetrare la vera realtà delle cose nel modo più profondo possibile.

Silvio Anselmo – Siedi il mistero

Siedi il mistero. Cammina il mistero. Nel mistero cuore di tenebra perde le ali e si ferma, ammutolito si specchia nell’inganno che gli rode le viscere. C’è smarrimento a lasciare il solco il sicuro solco del potere che ferma l’angoscia...

Vuoi salvare questa pagina tra i tuoi Preferiti?
Fai il login o registrati.

Pubblicità