Quanto vale un insegnante di meditazione? Una classifica con molte sorprese

quanto vale un insegnante di meditazione

Quanto vale un insegnante di meditazione? Se la domanda fosse posta seriamente, per rispondere bisognerebbe conoscere la persona in questione, vedere quanto sono profondi i suoi insegnamenti e poi capire quanto tali insegnamenti sono sinceramente vissuti e messi in pratica. Ma io mi sono fatto una domanda un po’ diversa. Qual è il valore economico dei diversi insegnanti di meditazione? Quali sono i più popolari? Eh sì, perché anche il mondo della meditazione ha il suo star system e il suo giro d’affari, il quale è appetito da tutto coloro che si cimentano nell’insegnamento di questa pratica millenaria.

Per sapere quanto vale un insegnante di meditazione, ho perso in considerazione i “maestri” di cui pubblichiamo gli scritti qui, in Zen in the City. Ce ne sono di tutti i tipi, dallo Zen, alla Vipassana, al Buddhismo tibetano, fino ad arrivare all’attualissimo Buddhismo secolare. Non troverete insegnanti di Mindfulness, perché la Mindfulness è già un mercato vero e proprio, piuttosto agguerrito, nel quale preferisco non entrare. Jon Kabat-Zinn, l’inventore della Mindfulness, è in questo caso un’eccezione, ma è molto più di un insegnante di Mindfulness, senza nulla togliere a questa utilissima disciplina.

Per stabilire il valore economico mi sono basato sul costo della pubblicità in Google. La pubblicità in Google, a differenza di quella delle testate giornalistiche o degli spazi fisici a pagamento, non ha un costo fisso definito dal proprietario dello spazio, in questo caso Google. Nel mondo online domina la legge della domanda e dell’offerta, che è equanime ma a volte anche spietata. Pubblicare pubblicità basata su un certo termine di ricerca, ha un costo basato su due fattori:

Pubblicità (registrati per non vederla più)
  • il numero di ricerche che vengono effettuate dagli utenti con quella parola chiave, cioè l’interesse effettivo del pubblico;
  • il numero di inserzionisti che pubblica pubblicità con quella stessa parola chiave, cioè il grado di concorrenza.

La combinazione di questi due fattori determina il costo della pubblicità per una determinata ricerca. Più una certa parola è ricercata dal pubblico, più costa la pubblicità legata a quella parola. Più operatori ci sono sul mercato che fanno pubblicità basata su quella parola, più tale valore aumenta ulteriormente. Bisogna anche considerare che tale costo è estremamente dinamico, perché dipende molto anche dal momento. Se ad esempio in un certo periodo si parla di più di qualcuno, per via di un fatto accaduto o altro legato all’attualità, il suo valore sale. Ma presto potrebbe riscendere. Anche la classifica che troverete qui ha un valore estremamente temporaneo. Ripetendo la ricerca a distanza anche di pochi giorni, l’ordine subisce dei cambiamenti. Niente di più adatto per gente come gli insegnanti di meditazione, che non fanno altro che parlare di impermanenza, non credete?

La tabella mostrata di seguito è frutto di una stima su eventuali inserzioni pubblicitarie pubblicate nel corso di tutto l’ultimo trimestre 2020, dal 1 ottobre al 31 dicembre, rivolte al pubblico italiano. La tabella esprime perciò il valore in termini pubblicitari dei vari nomi di insegnanti di meditazione. La spiegazione sul significato dei diversi valori la potete leggere dopo la tabella stessa.

La classifica degli insegnanti di meditazione

Un dato che mi colpisce, osservando la classifica, è che i primi 4 posti non sono occupati da insegnanti di meditazione “buddhisti”, nonostante la pratica di meditazione abbia nel buddhismo proprio la sua radice primaria. Il più popolare tra i maestri di tradizione buddhista, è il nostro amato Thich Nhat Hanh, uno dei più comprensibili al grande pubblico. Ai primi posti, dopo Kabat-Zinn, troviamo Eckhart Tolle e Osho, autori di bestesller sempre molto apprezzati dal pubblico.

Un autore molto popolare è Daniel Goleman, autore dell’importantissimo libro “Intelligenza emotiva”. Ciò mi consente di introdurre un altro dato che emerge da questa classifica, ovvero la maggiore popolarità di autori nei quali gli aspetti emotivi legati alla pratica sono in primo piano. È il caso di Pema Chödrön e Jack Kornfield, che occupano rispettivamente il 7 e 8 posto. Forse è per questo che Kornfield è molto più popolare di Joseph Goldstein, un autore non meno valido e peraltro di impostazione molto simile.

Chandra Livia Candiani è estremamente popolare, prima tra gli italiani. La sua fama è dovuta principalmente all’attività come poetessa, ma credo che per lei l’attenzione alla dimensione delle emozioni giochi un ruolo importante. Il secondo italiano che troviamo è Corrado Pensa, la persona che più di ogni altro ha contribuito a portare nel nostro Paese la meditazione e gli insegnamenti buddhisti, ma anche a far conoscere molti dei grandi maestri presenti nella classifica.

È interessante l’ottimo posizionamento di Jeff Foster e Rupert Spira, due insegnanti nient’affatto buddhisti, riconducibili al filone del non dualismo, o non dualità, a cui presto dovremo dedicare una sezione ad hoc in questo sito.

Si noti infine il posizionamento dei vari “generi”. Il pubblico non ha preferenze particolari, sembrando esprimere con questo una sorta di indifferenza, rispetto all’origine culturale e alle diverse scuole. È un tipico esempio di cosa sta succedendo al Buddhismo nell’era di Internet. Tutto si rimescola e il pubblico sceglie come al supermercato.

Termine ricercaGenereN. visualizzazioniN. ClickCosto per clickCosto totale
1Jon Kabat-ZinnMindfulness1.690,5560,540,5130,73
2Eckhart Tolle1.415,1137,680,5922,12
3Osho1.232,0527,870,3610,07
4Daniel GolemanMindfulness1.123,1538,990,4919,27
5Thich Nhat HanhZen884,4932,150,5618,07
6Chandra Livia CandianiVipassana774,4618,020,397,00
7Pema ChödrönTibetano698,9118,410,397,14
8Jack KornfieldVipassana451,2710,430,454,70
9Jeff FosterNon dualista315,3410,000,242,44
10Rupert SpiraNon dualista268,748,580,544,63
11Alan WattsZen216,194,940,562,76
12Joseph GoldsteinVipassana194,646,650,442,96
13Dalai LamaTibetano187,105,750,523,00
14Corrado PensaVipassana176,371,950,821,61
15Alan WallaceTibetano151,016,260,110,66
16Stephen BatchelorSecolare140,963,230,341,08
17Ajahn SumedhoVipassana131,441,140,360,40
18Sharon SalzbergVipassana99,831,130,590,67
19Christina FeldmanVipassana80,261,580,641,01
20Matthieu RicardTibetano80,263,060,491,51
21Charlotte Joko BeckZen77,752,080,240,51
22Ajahn ChahVipassana68,231,110,150,17
23Shunryu SuzukiZen63,211,410,590,83
24Jiddu Krishnamurti46,150,820,430,35
25Robert WrightSecolare31,602,290,320,72
26Ezra BaydaZen29,090,750,600,45
27Lodro RinzlerTibetano17,060,020,370,01
28Stefano BetteraSecolare14,540,670,550,37

Gli indicatori utilizzati

Il numero di visualizzazioni esprime il numero totale di volte in cui una pubblicità basata su quel nome comparirebbe agli utenti delle ricerche Google nel periodo considerato. Questo numero rappresenta una stima e ha un significato che è molto vicino a quello di “popolarità” del personaggio.

Il numero di click esprime una stima del numero di volte che quella pubblicità verrebbe cliccata dagli utenti. A volte un personaggio consente di ottenere più click di un altro che magari è più popolare. Corrado Pensa, ad esempio, risulta un po’ più popolare di Alan Wallace, ma consente di ottenere molti meno click. Evidentemente chi cerca Corrado Pensa è poco propenso ad acquistare qualcosa che lo riguardi, o per lo meno lo è meno rispetto ad Alan Wallace.

Il costo per click è quanto bisognerà pagare per ciascun click ricevuto, se si effettua una campagna pubblicitaria basata su quel nome. Esso dipende dal numero di click stimati, ma anche dall’eventuale concorrenza già presente. Un click su Joseph Goldstein, ad esempio, costa il triplo rispetto al suo maestro Ajahn Chah. Questo si spiega con il fatto che Goldstein è un insegnante di meditazione ancora attivo, con una sua attività commerciale, mentre Ajahn Chah, oltre a essere scomparso 30 anni fa, era anche un maestro “vecchio stile”, poco presente sui media. Osho, invece, pur essendo scomparso circa negli stessi anni, inizi ’90, ha un costo per click relativamente alto, grazie alla sua popolarità ancora forte.

Vuoi ricevere gli aggiornamenti da Zen in the City?

Inserisci il tuo indirizzo per ricevere notifiche alla pubblicazione di nuovi contenuti:

(ricordati dopo di cliccare sull’email di conferma)

Zen in the city. L’arte di fermarsi in un mondo che corre

Zen in the city. L'arte di fermarsi in un mondo che corre
"Questo libro è stato il mio primo contatto con lo zen. Per me che sono appena approdata in questo mondo è stato una rivelazione, perché parla di pratiche quotidiane che non necessitano di particolari conoscenze, ma che aiutano a vivere la vita in modo più sereno. è un libro alla portata di tutti, esordienti e esperti. è bello potercisi affidare in davvero molti momenti della giornata, perché nel libro si riesce a trovare la giusta…
Paolo Subioli

Ho scritto questo libro per condividere ciò che ho imparato nell’ambito della mia pratica quotidiana, grazie agli insegnamenti dei maestri, ma anche e soprattutto dell’esperienza diretta.

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

Pubblicità (registrati per non vederla più)

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook
Vorrei ricevere anch'io la Newsletter