Radicamento e flessibilità: meditazione guidata

Radicamento e flessibilità

Il radicamento è ciò di cui abbiamo più bisogno in questo tempo di incertezza e volatilità. Qualche sicurezza in più farebbe piacere a tutti. Inoltre bisogno di ritrovare le nostre radici non solo culturali, ma anche in relazione alla madre Terra. Quest’ultima ci dà tutto il sostentamento di cui abbiamo bisogno, è sempre pronta ad accogliere con equanimità tutto ciò che le riversiamo sopra e dentro, ma la sentiamo sempre più lontana, nelle nostre vite che si svolgono da uno spazio chiuso all’altro, completamente estranei, se non ostili, agli elementi naturali e alle altre specie.

Ma anche con il radicamento non bisogna esagerare. Proprio l’incertezza del molto globalizzato porta sempre più persone a rifugiarsi nel proprio particolare di famiglia, cultura, territorio, etnia. A non volersi allontanare troppo dalle certezze a propria disposizione, che siano la ristretta cerchia famigliare, il gruppo degli amici storici, il posto fisso di lavoro, lo stato di salute del proprio corpo, le proprie idee e convinzioni, eccetera. Ma tutto ciò è molto più instabile di quanto vorremmo e le condizioni possono cambiare: una persona cara se ne va o ci tradisce, perdiamo il lavoro, il corpo si ammala, le idee vengono messe in discussione. Allora il castello di certezze che ci siamo costruiti a nostra misura può crollare e con esso la nostra stabilità.

Una giusta misura di radicamento e flessibilità è ciò di cui abbiamo bisogno veramente, per muoverci leggeri e quieti in questo mondo turbolento. Saper ritrovare ciò che ci dà stabilità e ricercare al contempo ciò che ci eleva in una dimensione più “alta” è la pratica che ci consente di trovare quella giusta misura.

Pubblicità (registrati per non vederla più)

In questa ricerca mente e corpo sono coinvolti in egual misura. Il corpo è anzi il maestro di riferimento, con la sua capacità di radicarsi a terra e di elevarsi verso il cielo, come i praticanti di Yoga sanno bene. E nella meditazione possiamo sperimentare la piena unità di mente e corpo nel momento presente.

La meditazione guidata su radicamento e flessibilità che vi propongo è molto utile in tal senso. Ne è autrice Diana Petech, un’insegnante di Dharma della tradizione del maestro zen Thich Nhat Hanh. Diana è anche traduttrice di importanti libri del maestro e figura di spicco in tale movimento.

Meditazione significa sperimentazione“, dice Diana, “significa scoprire che cosa mette più in unità e in pace il nostro corpo e la nostra mente”. Questa frase racchiude bene lo spirito che anima il movimento zen di Thich Nhat Hanh: fare tesoro degli insegnamenti di tutti i maestri che ci hanno preceduto, ma non smettendo mai di applicare alla pratica le nostre capacità creative.

La sperimentazione che Diana ci propone è un caso concreto di applicazione di tale approccio, e gli effetti possiamo provarli direttamente. “In questo momento di pace onoriamo la nostra funzione di ponte tra la terra e il cielo: un ponte sgombro libero, aperto al passaggio”. Il radicamento non è dunque necessariamente chiusura: può portarci all’apertura, proprio come un albero partendo dalle radici si protende verso il cielo.

L’audio è stato registrato nel corso dell’incontro di meditazione online del 1° dicembre 2016.

Ascolta la meditazione guidata:

Contenuto riservato agli utenti registrati

[La foto è di Mr Chopski]

Vuoi ricevere gli aggiornamenti da Zen in the City?

Inserisci il tuo indirizzo per ricevere aggiornamenti (non più di 1 a settimana):

(ricordati dopo di cliccare sull’email di conferma)

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

Pubblicità (registrati per non vederla più)

Paolo Subioli

Insegno meditazione e tramite il mio blog Zen in the City propongo un’interpretazione originale delle pratiche di consapevolezza legata agli stili di vita contemporanei.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *