Taggato: avversione

sestupla sestina

Discorso sulla sestupla sestina (Chachakka Sutta)

Questo ho sentito. Una volta il Sublime dimorava presso Sâvatthî, nella Selva del Vincitore, nel parco di Anâthapindiko. Là il Sublime si rivolse ai monaci: “Vi esporrò la dottrina buona nel principio, nel mezzo, nella fine, nel senso e nella...

Meditazione guidata sui sentimenti negativi 0

Meditazione guidata sui sentimenti negativi

Anche se vorremmo essere tutti delle persone buone, a volte addirittura perfette, proviamo spesso dei sentimenti negativi, dannosi per noi e per gli altri, come rabbia, gelosia o invidia. Ci piacerebbe che non fosse così, ma anche le persone più illuminate hanno dentro di sé un po’ di “immondizia” con cui fare i conti. In questa meditazione guidata prendiamo contatto con la parte meno nobile di noi stessi, i nostri sentimenti negativi. Grazie alla consapevolezza, riusciamo però a vedere che si tratta solo di formazioni temporanee della mente, che si manifestano non appena si creano le condizioni adatte. E così come di manifestano, prima o poi si dissolvono.

metta

Joseph Goldstein – La mettā (gentilezza amorevole) è un modo di essere

Una delle istruzioni contenute nel Satipatthana Sutta è quella di conoscere le condizioni che prevengono il sorgere dell’avversione. La più efficace fra queste è coltivare la benevolenza, mettā in pali. È quella generosità di cuore che semplicemente desidera il bene...

persona aggressiva

Corrado Pensa – Cosa possono insegnarci le persone aggressive e antipatiche

È possibile apprezzare quello che è spiacevole, ostile, iniquo, violento, orribile? Ovviamente no: non si potrà gioire di ciò che nuoce. Tuttavia la reazione di avversione-paura che abitualmente sorge davanti al lato oscuro dell’esistenza è anch’essa una penosa prigione dalla...

ignoranza

Peter Della Santina – Il significato di ignoranza nel Buddhismo

Ignoranza significa non vedere le cose così come sono, non riuscire a capire la verità della vita. Coloro che si considerano molto istruiti, possono offendersi al sentirsi dire che sono ignoranti. In che modo siamo ignoranti? Si sa che senza...

Corrado Pensa – Come lavorare sull’avversione

Quali sono i mezzi abili per lavorare sull’avversione? a) La prima regola potrebbe formularsi così: “piccolo è utile”. Ossia è particolarmente importante che i praticanti non si lascino sfuggire le piccole o piccolissime avversioni, dato che esse offrono occasioni di...