Taggato: avversione

metta

Joseph Goldstein – La mettā (gentilezza amorevole) è un modo di essere

Una delle istruzioni contenute nel Satipatthana Sutta è quella di conoscere le condizioni che prevengono il sorgere dell’avversione. La più efficace fra queste è coltivare la benevolenza, mettā in pali. È quella generosità di cuore che semplicemente desidera il bene...

persona aggressiva

Corrado Pensa – Cosa possono insegnarci le persone aggressive e antipatiche

È possibile apprezzare quello che è spiacevole, ostile, iniquo, violento, orribile? Ovviamente no: non si potrà gioire di ciò che nuoce. Tuttavia la reazione di avversione-paura che abitualmente sorge davanti al lato oscuro dell’esistenza è anch’essa una penosa prigione dalla...

Peter Della Santina – Il significato di ignoranza nel Buddhismo

Ignoranza significa non vedere le cose così come sono, non riuscire a capire la verità della vita. Coloro che si considerano molto istruiti, possono offendersi al sentirsi dire che sono ignoranti. In che modo siamo ignoranti? Si sa che senza...

Corrado Pensa – Come lavorare sull’avversione

Quali sono i mezzi abili per lavorare sull’avversione? a) La prima regola potrebbe formularsi così: “piccolo è utile”. Ossia è particolarmente importante che i praticanti non si lascino sfuggire le piccole o piccolissime avversioni, dato che esse offrono occasioni di...

Alan Wallace – Il significato di equanimità

Coltivare l’equanimità serve da antidoto a due delle principali affezioni mentali: l’attaccamento e l’avversione. L’attaccamento include l’aggrapparsi alla serenità trasmessa dallo samatha, e l’avversione può sorgere se si considerano spiacevoli ostacoli al proprio benessere tutte le distrazioni dalla pratica spirituale,...

0

Il sermone del fuoco (Adittapariyaya sutta)

Così ho sentito. Una volta il Beato soggiornava presso Gaya, sul colle Gayasisa, insieme a mille monaci. Ivi rivolgendosi ai monaci disse: “Monaci, tutto brucia! E cosa brucia, o monaci? La vista brucia, o monaci, le forme ed i colori...