Taggato: conoscenza convenzionale

verità assoluta e relativa

Eckhart Tolle – Verità assoluta e verità relativa

Al di là del mondo dei fatti semplici e verificabili, la certezza di aver ragione, e che gli altri abbiano torto, è una cosa pericolosa tanto nelle relazioni personali, quanto nella interazione fra nazioni, tribù, religioni, e così via. Ma...

parola

Silvio Anselmo – La parola

La parola pur fascinosa non può cogliere in pieno il volto segreto della realtà; lo può sfiorare e dar aria al cuore ma conserverà le stimmate dell’illusione e un sentire nel profondo di inestirpabile frustrazione.   Da: Silvio Anselmo, “Il...

sabbia

Wislawa Szymborska – Vista con granello di sabbia

Lo chiamiamo granello di sabbia. Ma lui non chiama se stesso né granello né sabbia. Fa a meno di un nome generale, individuale, permanente, temporaneo, scorretto o corretto. Del nostro sguardo e tocco non gli importa. Non si sente guardato...

0

Shunryu Suzuki – Diventare saggi con il vuoto mentale

Il punto più importante del Sutra della Prajnaparamita è, naturalmente, l’idea di vuoto. Prima che si comprenda l’idea di vuoto, ogni cosa sembra dotata di un’esistenza sostanziale. Ma, una volta presa coscienza del vuoto delle cose, tutto diventa reale —...

0

Capodanno, la festa dei nostri limiti culturali

Capodanno è l’occasione ideale per capire i meccanismi mentali che abbiamo ereditato dai nostri avi e che ci ostacolano in ogni momento nella comprensione della realtà. Nella notte tra il 31 dicembre e il 1° gennaio arriva l’anno nuovo. Esso...

1

Thich Nhat Hanh – Le designazioni convenzionali

Per “designazione convenzionale” si intende il mutuo accordo di chiamare una cosa con un dato nome. Per esempio, un certificato di nascita è una designazione convenzionale. Siamo tutti d’accordo: un certificato di nascita è un pezzo‘ di carta che certifica...