Taggato: letture di jon kabat-zinn

Jon Kabat-Zinn – Meditazione sulla pelle

Sappiamo che la pelle è intimamente legata alle nostre emozioni. Se glielo permettiamo le cose o le persone possono « entrarci nella pelle »; inoltre arrossiamo di imbarazzo o di orgoglio, diventiamo bianchi dalla paura, pallidi dal dolore, verdi di...

Jon Kabat-Zinn – Puro e semplice respiro

Proprio come i suoni non smettono mai di arrivarci alle orecchie, così il respiro non smette mai, finché siamo vivi. In ogni attimo del presente ci troviamo in questo o quel punto del ciclo del respiro, in un’inspirazione o espirazione...

Jon Kabat-Zinn – Un po’ di silenzio, per favore!

« Non riesco a sentire neanche i miei pensieri! » Vi è mai capitato di sbottare con una frase del genere? Di solito viene fuori per frustrazione, stiamo cercando di concentrarci. e nella stanza c’è un gran fracasso. Significa qualcosa...

Jon Kabat-Zinn – Come abbandonarsi completamente all’ascolto

Smetto di fabbricare pensieri sulle origini dei suoni e mi abbandono all’ascolto. È proprio un’immersione nel suono, un godimento sensuale del puro suono e degli spazi fra un suono e l’altro, fra gli strati di suoni. Ora i suoni sono...

0

Jon Kabat-Zinn – Come esplorare il proprio corpo con il body scan

Quando pratichiamo l’esplorazione del corpo, nella nostra consapevolezza è incluso proprio quel senso della propriocezione che descrive Oliver Sacks in “L’uomo che scambiò sua moglie per un cappello” e che Christina, una delle pazienti di cui racconta le vicende, ha...

0

Jon Kabat-Zinn – Come capire se si medita correttamente

Se consideriamo la meditazione come qualcosa di strumentale, come un’abilità che si sviluppa con l’esercizio, è molto sensato voler sapere se si sta « andando bene così »; e poi è vero che ci sono punti di riferimento lungo la...

1

Jon Kabat-Zinn – Puro e semplice udito

I suoni e gli spazi tra i suoni non smettono mai di arrivare alle nostre orecchie. Ce ne stiamo seduti o sdraiati in meditazione da qualche parte, ci abbandoniamo volontariamente all’ascolto ed ecco: puro e semplice udito di quel che...

0

Jon Kabat-Zinn – Panorami mentali

Il panorama in senso lato e i panorami visivi, uditivi, tattili, olfattivi, gustativi alla fin fine convergono tutti in quello che chiameremmo, per estensione, panorama mentale. Senza la capacità di discernimento della mente non ci sarebbe conoscenza di nessun panorama,...

0

Jon Kabat-Zinn – Perché è così difficile ascoltare la pioggia

Stamattina la pioggia è così forte, così insistente, così in primo piano che l’attenzione ci rimane sopra da sola senza sforzo. L’esperienza del suono, in questo momento, l’ha avuta vinta sulla mente concettuale. Non è sempre così, di solito non...