Taggato: mettā

metta

Joseph Goldstein – La mettā (gentilezza amorevole) è un modo di essere

Una delle istruzioni contenute nel Satipatthana Sutta è quella di conoscere le condizioni che prevengono il sorgere dell’avversione. La più efficace fra queste è coltivare la benevolenza, mettā in pali. È quella generosità di cuore che semplicemente desidera il bene...

Foto di AirAsia

Tiffany Watt Smith – Cos’è la vera compassione? Lo si capisce in aereo, seguendo le istruzioni per l’atterraggio d’emergenza

La compassione non è mai inclusa negli elenchi delle “emozioni universali”, ma potrebbe esserci, stando alla filosofa Martha Nussbaum. La maggioranza delle persone è in grado di accorgersi che qualcun altro sta soffrendo. L’impulso di alleviare quel dolore può essere...

Corrado Pensa – Come lavorare sull’avversione

Quali sono i mezzi abili per lavorare sull’avversione? a) La prima regola potrebbe formularsi così: “piccolo è utile”. Ossia è particolarmente importante che i praticanti non si lascino sfuggire le piccole o piccolissime avversioni, dato che esse offrono occasioni di...

1

Amore sull’autobus

L’amore sull’autobus è una pratica di gentilezza amorevole basata sull’antica tradizione della “metta” e adattata a chi in città passa la vita fianco a fianco con degli sconosciuti. Il mezzo pubblico diventa strumento di liberazione e risveglio

slagheap, WTC 9/11 2

Meditazione di benevolenza per i terroristi

La meditazione di benevolenza, o di “metta“, è una pratica di tradizione molto antica, che consiste nel generare pensieri di benevolenza prima di tutto verso se stessi, poi verso le altre persone (comprese quelle con cui non si hanno buoni...