Taggato: mettā

Sharon Salzberg – L’entusiasmo è la via d’accesso al nirvana

L’amore esiste in se stesso, non fa assegnamento sull’essere posseduto o sul possedere. Come la perla, l’amore può essere comprato solo da se stesso, perché non è oggetto di compravendita o scambio. Nessuno possiede a sufficienza per comprarlo, ma tutti...

Hamish Irvine, Three

Corrado Pensa – I tre segni dell’esistenza: dukkha, anicca e anattā

Se siamo praticanti di consapevolezza e del Dharma, sappiamo quanto sia frequente essere considerati strani a causa dell’interesse e dell’impegno che portiamo a questa attività: stare seduti immobili a coltivare l’impulso, il nudo intento di tornare e ritornare al mistero...

Corrado Pensa – Come lavorare sull’avversione

Quali sono i mezzi abili per lavorare sull’avversione? a) La prima regola potrebbe formularsi così: “piccolo è utile”. Ossia è particolarmente importante che i praticanti non si lascino sfuggire le piccole o piccolissime avversioni, dato che esse offrono occasioni di...

1

Amore sull’autobus

L’amore sull’autobus è una pratica di gentilezza amorevole basata sull’antica tradizione della “metta” e adattata a chi in città passa la vita fianco a fianco con degli sconosciuti. Il mezzo pubblico diventa strumento di liberazione e risveglio

slagheap, WTC 9/11 2

Meditazione di benevolenza per i terroristi

La meditazione di benevolenza, o di “metta“, è una pratica di tradizione molto antica, che consiste nel generare pensieri di benevolenza prima di tutto verso se stessi, poi verso le altre persone (comprese quelle con cui non si hanno buoni...